Marcello Tarot - Header

Tarot of Northern Shadows | Stampa |
 

Tarot of Northern Shadows

Un mazzo creato da Howard Rodway e illustrato da Sylvia Gainsford. «Per descrivere i Tarot of Northern Shadows, Sylvia dice: "Questi Tarocchi rappresentano le radici dei credi nordici e celtici unitamente alle tradizioni e alle storie le cui origini si sono perse nella notte dei tempi: ombre di un sogno familiare."» (dal libretto bianco, p. 6 - traduzione mia)

Northern ShadowsHoward Rodway poi ci fa sapere che «Con l'enfasi sui Celti, [Sylvia] ha in gran parte attinto alle storie del Mabinogion. [...]

«Gli Arcani Maggiori presentano figure norrene e celtiche con i rispettivi animali, e anche con simboli runici ove appropriati.

«Le carte di corte hanno i seguenti raggruppamenti: i Bastoni hanno dei e dee norreni; le Coppe hanno eroi ed eroine del Mabinogion; le Spade contengono personaggi derivanti da leggende celtiche britanniche e continentali; i Dischi hanno personalità celtiche irlandesi.

«I restanti Arcani Minori raffigurano una vasta gamma di situazioni che si basano sui miti norreni e celtici e sul Mabinogion; sono anche compresi credi tradizionali e folklore ancora praticati oggigiorno.» (pp. 7-8)

Emperor Northern Shadows Tarot 

Rodway conclude l'introduzione annunciando che si potrà trovare l'intera storia dietro la costruzione di questo mazzo - ivi compresa la spiegazione di diverse associazioni - nell'omonimo libro, ma dalle mie ricerche in rete e dalla lettura di altre recensioni non risulta che sia mai stato pubblicato. Ed è un vero peccato perché laddove talune associazioni sono lampanti (l'Imperatore è sicuramente Odino, mentre nel Mondo viene raffigurato Yggdrasil con Midgard, il ponte Bifrost, ecc.) altre restano davvero oscure. Quando poi le immagini si discostano da quelle tradizionali dei Rider-Waite-Smith a maggior ragione sarebbe tornato utile avere il libro a disposizione perché proprio non è facile riuscire a capire il perché di certe raffigurazioni.

World Northern Shadows Tarot 

Northern Shadows TarotI significati divinatori sono forniti in stringhe di parole chiave appropriate. Solo quelli per le carte di corte lasciano un po' a desiderare perché si concentrano troppo sui significati europei tradizionali a discapito delle possibilità di approfondimento della lamina in altre aree. In compenso, la Gainsford ha miscelato passato e presente inserendo ritratti di familiari e amici in scene e paesaggi mitologici, e il risultato è che gli Onori sono le carte artisticamente più belle del mazzo. «Per esempio, nel Re di Dischi Sylvia ha visto un collegamento tra Mannan Maclir, il dio celtico dei marinai, e suo padre James Gainsford, un gentiluomo di 87 anni anni, che non solo è sopravvissuto a bordo di tre navi che affondarono durante la seconda guerra mondiale, ma che di recente ha pure dovuto difendere se stesso e la madre di Sylvia quando dei ladri erano entrati nella loro casa di Tonbridge, nel Kent. Nel Re di Dischi, Sylvia ha unito suo padre con il castello di Tonbridge al quale lui pensava sempre durante i momenti pericolosi in mare aperto.» (p. 10)

Un mazzo particolare, nel suo complesso, ma comunque sufficientemente godibile.